thyssenkrupp Home Solutions diventa TK Home Solutions. La tecnologia, la sicurezza, la funzionalità e il design rimangono le stesse

Skip Navigation

Problemi intestinali negli anziani

problemi intestinali

Il compito principale del nostro intestino è quello di utilizzare il cibo. Ma non solo. Il nostro intestino gioca un ruolo importante nella lotta contro gli agenti patogeni. Con una moltitudine di nervi, l'intestino spesso influenza anche lo stato mentale del paziente. Per questo è fondamentale chiedere il parere di un medico se abbiamo problemi.

L’intestino – problemi e disturbi intestinali

Il nostro intestino non è solo indispensabile, ma è anche estremamente sensibile. In molti casi stress, rabbia e cattive abitudini alimentari possono contribuiscono a generare disturbi intestinali. Spesso si riscontrano, ad esempio, colon irritabile, stitichezza e gas e sintomi come infiammazione intestinale cronica, il morbo di Crohn e la colite ulcerosa.

Naturalmente, non è solo la dieta che agisce sull'intestino. Molte persone ogni giorno devono assumere molti farmaci, che possono scatenare problemi intestinali.

Leggi anche:

Benessere negli anziani: come mantenersi in forma

Problemi intestinali Sintomi

È importante iniziare ad indagare sul tratto intestinale quando si avvertono spiacevoli problemi digestivi. Questo può includere una sensazione di pienezza, stitichezza o diarrea.

Se questi sintomi persistono a lungo o se si verificano più volte a settimana, è necessario rivolgersi al gastroenterologo, che è lo specialista dello stomaco e dell'intestino.

Il sintomo più comune è la diarrea. Questa è accompagnata spesso da dolore, nausea e febbre. Può verificarsi anche la perdita di appetito e peso. I sintomi della sindrome dell'intestino irritabile comprendono diarrea, crampi, flatulenza e costipazione.

Inoltre, è necessario agire rapidamente se, ad esempio, scopriamo sangue nelle feci. Tali sintomi non dovrebbero essere presi alla leggera.

Il cancro del colon, ad esempio, è pericoloso perché provoca pochi o nessun sintomo, soprattutto nelle fasi iniziali. La malattia viene spesso diagnosticata solo quando c'è un'ostruzione nell'intestino o quando c'è sanguinamento dall'ano.

L'intestino nella vecchiaia

Con l'avanzare dell'età, la flora intestinale cambia nell'essere umano, con una netta diminuzione dei batteri buoni.

Cambia anche il modo in cui si mangia. Il cibo che normalmente viene mescolato con la saliva attraverso un'estesa masticazione, nelle persone anziane ha un procedimento più lento, a causa delle dentiere poco aderenti che spesso rendono difficile gustare piatti più solidi. Anche la produzione di saliva diminuisce con l'età, così come il senso del gusto e la forza muscolare dell'esofago, per cui si verificano disturbi della deglutizione.

Tra i problemi intestinali che si possono manifestare in età avanzata ci sono feci irregolari, gas e crampi. Spesso è possibile riscontrare anche un'infezione intestinale, dovuta a cibo avariato o acqua potabile sporca. Tra i disturbi, può anche verificarsi la diverticolosi, che sono una sorta di piccoli sacchi che si formano lungo le pareti intestinali.

Disturbi intestinali: la prevenzione può aiutare

Certo che la prevenzione può aiutare. Primo consiglio: bere molto!

Le persone anziane dovrebbero bere un litro e mezzo o due al giorno, soprattutto se perdono molti liquidi tramite sudorazione. Oltre all’acqua è possibile bere tè non zuccherati o anche succhi non zuccherati, che possono facilmente reintegrare i liquidi con un gusto decisamente più buono!

Dopo i 65 anni è consigliata una dieta ricca di fibre (tranne nel caso in cui si soffra di stitichezza, dove è meglio introdurre la quantità indicata dal medico). Con il liquido, le fibre si gonfiano nell'intestino e conferiscono alle feci una consistenza morbida.

Nella dieta non devono mancare nemmeno i cereali integrali e le verdure, che sono delle ottime fonti di energia. Chi soffre di stress, dovrà cercare di affrontare anche questi piccoli cambiamenti con un po' più di calma. L'intestino ringrazierà.

La carne a giorni alterni. La carne è povera di fibre. Inoltre, durante la lavorazione possono essere prodotte sostanze nocive come le "nitrosamine", sospettate di essere cancerogene. Il rischio intestinale in particolare può aumentare con troppa carne. Naturalmente, non devi rinunciare completamente alla carne. Una dieta equilibrata è la chiave di tutto.

Non dimenticare di muoverti! Per un intestino sano, è indispensabile fare movimento con degli esercizi indicati per gli anziani. Muscoli addominali e movimento ben allenati hanno un effetto positivo sulla funzione intestinale.

Leggi anche:

Odore corporeo negli anziani: piccoli suggerimenti per vivere al meglio

Richiesta Informazioni

Home Solutions

Compila il modulo, ti richiameremo per una consulenza gratuita

Per favore, inserisca il codice postale nel formato corretto
Si prega di inserire l'e-mail
Per favore, verifichi che l'indirizzo email sia valido

*obbligatorio

Si prega di accettare l'informativa

Grazie per il vostro interesse nei nostri prodotti! Ci metteremo in contatto con voi il più presto possibile.

I seguenti contenuti potrebbero essere interessanti per voi:

Torna su