thyssenkrupp Home Solutions diventa TK Home Solutions. La tecnologia, la sicurezza, la funzionalità e il design rimangono le stesse

Skip Navigation

Disturbi del sonno negli anziani

sonno anziani

Molte persone anziane soffrono di disturbi del sonno e la tendenza è in aumento. Ma quali sono le cause e quali soluzioni ci sono?

I sondaggi mostrano che un anziano su due di età superiore ai 65 anni soffre di disturbi del sonno. Le ragioni possono essere molto diverse, motivo per cui i medici continuano a indagare cercando di capirne la causa.

Spesso, infatti, alla base di desiderio di dormire di più c'è la voglia di poter accorciare le giornate e di non cadere in preda alla noia (ecco delle attività che puoi fare per non annoiarti). Altre volte i motivi che portano a questi disturbi possono essere molto seri.

L'insonnia negli anziani, infatti, può essere causata da malattie come il parkinson, la depressione o un ictus passato. C'è anche un altro fattore di cui è necessario tenere conto: le persone di età superiore ai 70 anni assumono in media sette farmaci. Questi contengono spesso sostanze che possono influenzare il sonno.

Sonno anziani: la causa può essere una respirazione scorretta?

La respirazione scorretta può anche essere causa di una cattiva qualità del sonno. E ciò colpisce principalmente gli anziani in sovrappeso. Questa è la sindrome delle apnee notturne, che fa sì che le persone colpite si sveglino costantemente. Tale sindrome comporta anche rischi di ipertensione e insufficienza cardiaca. È quindi fondamentale consultare un medico e farsi seguire costantemente.

Disturbi del sonno: come funziona la diagnosi

Per fare una diagnosi, il medico o il terapeuta registra i sintomi e l'anamnesi del paziente. I pazienti sono spesso incoraggiati a tenere un diario del sonno, per una durata di quasi due settimane, che dovrà contenere le seguenti informazioni:

  • durata del sonno
  • tempi di sonno
  • sentimenti
  • benessere

Affinché il medico possa determinare la presenza di anomalie viene utilizzata la polisonnografia, esame che consente di diagnosticare l'origine del disturbo – se respiratoria o neurologica. Soprattutto in età avanzata, è molto importante fare questi esami. Ad esempio, la disfunzione tiroidea o l'insufficienza renale possono essere responsabili della sindrome delle gambe senza riposo, mentre l'apnea notturna può portare ad aritmie cardiache e aumento della pressione sanguigna.

È inoltre necessario capire se esistono condizioni psicologiche, come la depressione o la demenza, che possono favorire l'apnea notturna.

Insonnia nell'anziano: cosa puoi fare al riguardo?

L'insonnia è una forma comune di disturbo del sonno, che provoca problemi con l'addormentarsi e col rimanere addormentati. I pazienti spesso descrivono il loro sonno come "poco riposante" e le loro giornate caratterizzate da una profonda stanchezza.

Le principali cause di insonnia includono lo stress emotivo. Per questo motivo, i problemi del sonno compaiono spesso per la prima volta dopo eventi stressanti o durante periodi di stress. Anche le cattive abitudini possono essere causa di apnee notturne, come ad esempio il consumo di alcol appena prima di andare a letto. Tuttavia, l'apnea notturna può manifestarsi improvvisamente senza una ragione apparente ed è meglio trattarla con l'aiuto di un medico.

Leggi anche:

La solitudine degli anziani: come combatterla

Insonnia anziani rimedi

L'obiettivo è "mantenere il corpo pulito" in modo che non debba affrontare processi di disintossicazione e possa invece concentrarsi sulle fasi del sonno. Chi mangia molto e pesante la sera costringe il tratto digestivo a lavorare anche di notte e questo può influenzare negativamente il sonno. Ecco perché l'alimentazione è un fattore molto importante.

Lo stesso vale per le neurotossine che distruggono le cellule:

  • Alcol
  • Caffeina
  • Nicotina

Non è una novità che il consumo a lungo termine di queste sostanze può essere dannoso. Riducendo drasticamente, alcol, caffeina e nicotina, puoi provare a disintossicare il tuo corpo. Questo probabilmente non funzionerà subito, poiché i sintomi di astinenza fisica durano fino a tre giorni, ma man mano che passeranno le settimane si troverà senz'altro giovamento.

Un altro rimedio "naturale" è la ginnastica dolce che include esercizi di rilassamento e tecniche di respirazione. Ci sono anche innumerevoli audiolibri, meditazioni guidate, melodie del sonno, battiti binaurali, rumori bianchi e così via, che possono aiutarti a rilassarti e a conciliare il sonno.

È importante, però, ricordarsi di non usare sonniferi – se non prescritti dal medico – poiché possono avere effetti collaterali. Infatti, in combinazione con altri farmaci, i sonniferi sotto forma di compresse e altre forme di dosaggio possono avere l'effetto opposto e persino causare disturbi del sonno in età avanzata.

Ed ecco il nostro ultimo consiglio: trascorri del tempo all'aria aperta, fai una lunga passeggiata e, quando sarà di nuovo possibile, organizza un viaggio rilassante.

Leggi anche:

5 previsioni sul futuro degli anziani

Richiesta Informazioni

Home Solutions

Compila il modulo, ti richiameremo per una consulenza gratuita

Per favore, inserisca il codice postale nel formato corretto
Si prega di inserire l'e-mail
Per favore, verifichi che l'indirizzo email sia valido

*obbligatorio

Si prega di accettare l'informativa

Grazie per il vostro interesse nei nostri prodotti! Ci metteremo in contatto con voi il più presto possibile.

I seguenti contenuti potrebbero essere interessanti per voi:

Torna su